Il progetto

“Volti” è un progetto di un film cortometraggio che ha come tema la disabilità. Il film, ambientato interamente in un piccolo teatro storico, coinvolge attori normodotati e attori con disabilità, nello specifico persone con sindrome di Down.
Attraverso un’operazione di Fund Raising trasversale che coinvolge e vuole coinvolgere partnership Istituzionali, Sponsor Privati, gente comune, miriamo a creare consenso intorno ad un forte messaggio sociale: l’integrazione con le persone con disabilità.

Riteniamo che una vera integrazione sia frutto di un percorso culturale, pertanto, intervenire su uno degli strumenti che la cultura offre, l’arte (il cinema), mostrando i risultati di una fattiva integrazione, agire praticamente e culturalmente.
La persona con disabilità coinvolta “ATTIVAMENTE”, compartecipe prima di tutto. Per questo non ci proponiamo semplicemente di parlare di disabilità, ma vogliamo mostrare concretamente le potenzialità inespresse della persona con disabilità. Attraverso l’arte cinematografica rendere tangibile l’integrazione e proporne un esempio concreto.

Il progetto è prodotto dalla casa di produzione Blue film con la collaborazione dell’associazione Culturale “Hana-bi”.

Sinossi

Riccardo, un bambino di circa dieci anni con sindrome di Down, ha una grande passione: il teatro. Vive in una piccola città di provincia dove una modesta compagnia teatrale composta dal regista, nobile ed ereditario del piccolo teatro di città, e dal signor de Angelis, maschera del teatro ma concretamente tuttofare, propone periodicamente spettacoli del talentuoso e giovane attore Mattia.
Il piccolo Riccardo, ogni pomeriggio, con la complicità del signor de Angelis entra furtivamente nel teatro per assistere alle prove del suo attore preferito: Mattia, il quale sta preparando uno spettacolo di mimo ispirato all’attore francese Marcel Marceau. Mattia è possessore di un grande segreto di cui molti, quasi tutti nella piccola città, così come il regista e il piccolo Riccardo, ne sono all’oscuro. L’unico ad esserne a conoscenza è il signor de Angelis.

Obiettivi Artistici

L’obiettivo di “Volti” è quello di riflettere in modo diretto, crudo, sulla questione del processo di integrazione con l’ ”altro”, proponendo un tentativo di riflessione sui processi morali negati, ma necessari, al riconoscimento dell’ ”altro”.
L’”alterità” specificatamente indicata, nella proposta filmica, è quella della persona con disabilità. Pertanto, si vogliono indagare i meccanismi di integrazione che si sviluppano nelle relazione tra normodotati e le persona con disabilità, cercando di porre in essere una riflessione sugli ostacoli che ne impediscono di fatto una concreta integrazione.